Lo Strimpellatore

[strim-pel-la-tó-re] s.m.(f. – trice)

Chi suona da incompetente o da principiante uno strumento a corda…

Prelude

…ma per noi, da sempre incompetenti e principianti, chi può essere lo strimpellatore?
Un suonatore autodidatta che mette insieme suoni con l’uso di qualche strumento (non solamente a corda…), dando spazio alle proprie fantasie? E magari talvolta aggiunge dei testi, e se li canta pure, avvicinandosi così al menestrello, al trovatore, al bardo?
Con le ultime tecnologie digitali (software e tastiere elettroniche) sono notevolmente aumentate le possibilità di far danni con i suoni, e anche lo  strimpellatore si è adeguato arrabattandosi con  tecniche più o meno sofisticate.

Ma resta sempre uno strimpellatore…

Normalmente, oltre che con brani propri, lo strimpellatore si cimenta con brani di veri artisti, facendone più o meno scempio, perchè la sua vena creativa deve comunque farsi sentire. Lo strimpellatore è un personaggio vago e un pò tuttologo. Non è raro vederlo pasticciare con strumenti diversi, tutti suonati in modo approssimativo, appunto da strimpellatore, ma ci mette sempre qualcosa di suo. Per questo motivo, non è sufficiente suonacchiare abbastanza male per potersi definire strimpellatori.

Inoltre non è semplicissimo riconoscerlo, soprattutto quando si presenta agli altri come tale. Ci sono in giro un sacco di millantatori, che dicono di essere strimpellatori e poi te li ritrovi alle prime della Scala! (nella buca dell’orchestra…). Poi ci sono quelli che dicono di essere strimpellatori perchè hanno appeso il mandolino del nonno in cucina, oppure hanno il pianoforte ereditato in sala (e non sanno come liberarsene…).

Insomma, senza voler avere la pretesa di stilare una figura precisa dello strimpellatore (è un approssimativo, come potrebbe essere figura precisa?), ci sono alcune caratteristiche che lo connotano. Alcune di queste lo avvicinano al musicista, altre al poeta, altre ancora all’artista da strada, ma qui sta la caratteristica principale del soggetto : la musica ha varie sfaccettature, ma per lo strimpellatore nessuna di queste è fondamentale, tutte concorrono a far parte del suo mondo musicale e non (perché essere strimpellatore, a volte, è anche uno stile di vita)

Perciò :

  • Se sentite dentro di voi una spinta irresistibile a giocare con i suoni…

  • Se lo fate prendendo in mano chitarre, o pigiando tastiere, o percuotendo tamburi, o altre cose…

  • Se vi piace indirizzare questa vostra passione verso piccoli progetti musicali, magari da condividere…

  • Se vi accontentate di quello che riuscite a fare, senza porvi problemi di livelli qualitativi…

  • Se fate tutto questo per puro divertimento, senza velleità particolari, con leggerezza ed entusiasmo…

…… forse vi riconoscete nella definizione che noi diamo di

STRIMPELLATORE e STRIMPELLATRICE!

BENVENUTI sul sito degli strimpellatori. 

2 Commenti su “Lo Strimpellatore

  1. Mi riconosco pienamente nella vs definizione di strimpellatore anche se non ho il tempo per appagare a pieno questa passione che mi ha trasmesso anni fa il mio amico Mauro che, lui si, e’ un vero e bravissimo strimpellatore.
    un caro saluto
    Piero

    1. carissimo strimpellatore Piero…
      la passione è il motore della vita…
      con un po’ di coraggio e di passione si possono fare cose…impensate!
      Siamo sicuri che riceveremo presto qualcuna delle tue opere.
      Per adesso grazie per il commento.

Lascia un commento